Per favore vestitemi di rosso

Commovente testimonianza di
Cindy Dee Holms

Nella mia duplice professione di educatrice e di assistente sanitaria, ho lavorato con numerosi bambini affetti dal virus che provoca l’AIDS.
Il rapporto che ho avuto con questi bambini è stato un dono della mia vita. Mi ha insegnato tante cose, ma ho imparato soprattutto che il grande coraggio si trova negli involucri più piccoli.
Vi racconterò di Tyler.
Tyler nacque affetto da HIV; anche sua madre era infetta.
Fin dal principio della sua vita Tyler dovette ricorrere alle medicine per sopravvivere.
A volte aveva bisogno anche di ossigeno supplementare per sostenere la respirazione.
Tyler non era disposto a cedere neanche un istante della sua infanzia a questa malattia mortale. Non era insolito trovarlo a giocare e correre attorno al cortile, portando lo zaino pieno di medicine sulla schiena e trascinando la bombola di ossigeno nel suo carretto.
Tutti noi che conoscevamo Tyler ci meravigliavamo della sua gioia pura nell’essere vivo e dell’energia che questa gli dava.
La mamma di Tyler lo prendeva in giro dicendogli che lui si spostava tanto velocemente che lei avrebbe dovuto vestirlo di rosso. In quel modo, quando dava un’occhiata fuori della finestra per controllarlo quando giocava in cortile, l’avrebbe individuato rapidamente.
La temuta malattia alla fine logorò anche una piccola dinamo come Tyler.
Il bambino si ammalò gravemente e purtroppo si ammalò anche sua madre, affetta da HIV.
Quando divenne chiaro che Tyler non sarebbe sopravvissuto, sua madre gli parlò della morte.
Lo confortò dicendogli che anche lei stava morendo e che presto sarebbe stata con lui in cielo.
Pochi giorni prima di morire, Tyler mi chiamò al suo letto d’ospedale e mi sussurrò: “Morirò presto. Non ho paura. Quando muoio, per favore vestitemi di rosso. La mamma ha promesso di venire anche lei in cielo. Io starò giocando quando arriverà lei, e voglio essere sicuro che mi trovi.”