Benvenuti in Baby-flash, questo sito è dedicato a tutti i bambini e a coloro che li aiutano a crescere. Potete contattarmi per qualsiasi motivo tramite e-mail. Grazie a tutti e buona navigazione

Se non riesci a visualizzare gli esercizi interattivi del sito leggi attentamente i consigli ---> QUI

Perpetua essenza

a15e4b5768_4473801_med
- Nonna, ti manca tanto nonno…?
- Che domanda sciocca tesoro, certo che mi manca.
- Cosa ti manca di più di lui…?
- I baci… la sua risata… le litigate…
- Le litigate…?
- Si, sopratutto le litigate.
- E perché?
- Perché vedi tesoro… quando ti manca una persona, ti mancano i suoi pregi e i suoi difetti. Tuo nonno mi manca, nel vero senso della parola. M A N C A R E… Non si poteva utilizzare un termine più adatto.
Spiegati meglio…
– Mmmh… Hai presente la sensazione che provi quando perdi un autobus? Quando arrivi troppo tardi ad un appuntamento? Quando devi buttare il tuo vestito preferito? Quando litighi con una persona speciale?
Si.
– Ecco, unisci questi sentimenti.
Tu provi questo?
– Ogni giorno…
E come fai a sopravvivere, con questo vuoto dentro?
– E’ facile, basta pensare che lui sia qui con me.
In che senso?
– Ad esempio, quando la casa è troppo silenziosa, mi immagino la risata di tuo nonno che rimbomba per le stanze…
Mi siedo sul divano, osservo la poltrona dove si sedeva, e cerco di immaginarlo mentre guarda la televisione, o mentre ascolta la sua canzone preferita: ‘Volare’…
Dovevi vederlo. Appena metteva su il disco, si alzava di scatto e si inginocchiava di fronte a me. ‘Vieni a volare con me?’ e i suoi occhi si illuminavano di gioia.
Mi posava delicatamente la mano sui fianchi, avvicinava la sua bocca al mio orecchio e mi sussurrava: ‘sei la mia canzone preferita.’
Lo amavo, sempre. Anche quando mi urlava che voleva andare via da questa casa, anche quando mi faceva piangere.
Il suo profumo di fumo mischiato al gelsomino; il suo carattere dolce e scorbutico; i suoi occhi marroncino che ti ricordavano l’autunno; non c’e’ una cosa che non mi manchi…
Anche a me manca molto…
– Fai come me.
Ma io non ne sono capace…
– Ma tesoro… è così semplice! Basta chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare; Chiudi gli occhi…
 Fatto.
– Ora pensa a qualche suo ricordo bello…
Sì.
– Apri gli occhi…. Lo vedi…?
Lo vedo, ti sta tenendo la mano…

(dal web)

spiga

Perpetua essenza

La sera miete
oscurando il sonno
sull’argine è chino
il tuo capo stanco
il fusto ha ondeggiato
spargendo semi
in fertili campi
divenuti sole.

La notte fu
senza il mattino
splende vivo il tuo volto
nella memoria intessuto
sazierà generoso
coma pane caldo
dove lava fluiva
permeando il cuore

E viaggi eterea
tra le galassie
oltre oceani del tempo
nell’energia astrale
la tua anima vibra
chiudo gli occhi e m’avvolge
l’aroma filtra
laddove il canto
era senza dimora
nessuna domanda
a risposte già note
non v’è alcun ruolo
non v’è assenza
fluisce l’amore
in perpetua essenza
un soffio di fiato
sussurrando accenna
nel profondo intimo
un tocco eterno.

© Betty Liotti
8 aprile 2016

 

images

 

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cerca

Grazie per il tuo voto!


grazie-della-visita


--- Grafica by Betty Liotti --- Sito on line dal 28-4-2007 --- Copyright © (2007-2017). Tutti i diritti riservati --- ---Policy Privacy-----------DISCLAIMER---
Frontier Theme
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.