Benvenuti in Baby-flash, questo sito è dedicato a tutti i bambini e a coloro che li aiutano a crescere. Potete contattarmi per qualsiasi motivo tramite e-mail. Grazie a tutti e buona navigazione

Se non riesci a visualizzare gli esercizi interattivi del sito leggi attentamente i consigli ---> QUI

L’angelo del dopo Natale

angelo

L’angelo del dopo Natale
di Don Angelo Saporiti

.
E’ ormai tempo di disfare il nostro presepe e l’albero di Natale che abbiamo messo su all’inizio dell’avvento.
Solo qualche patacca qua le là o qualche luccichio d’argento ci ricorderanno i giorni di festa trascorsi.
Ogni angioletto, ogni luce dorata so che li ritroverò intatti al prossimo Natale.
C’è una cosa che però rimarrà con me e non metterò nello scatolone…
Quando l’anno scorso misi via il presepe e i cinque angioletti, tenni l’ultimo tra le mie mani…
“Tu resti”, gli dissi, “ho bisogno di un po’ della gioia di Natale per tutto questo nuovo anno”.
“Hai avuto fortuna!” mi rispose.
“Come?” gli chiesi.
“Ehm, io sono l’unico angelo che può parlare…”.
“È vero! Ma guarda un po’! Un angelo che parla? Non l’ho mai visto. Non può esistere!”.
“Certo che può esistere. Succede soltanto quando qualcuno, dopo che il Natale è passato, vuole tenere con sé un angioletto, non per errore, ma perché desidera rivivere un po’ della gioia di Natale, come succede adesso con te. Solo in questi casi noi angeli possiamo parlare. Ma capita abbastanza raramente… A proposito, mi chiamo Enrico”.
Da allora Enrico è sulla libreria nella mia stanza.
Nelle sue mani regge stranamente un cestino della spazzatura. Abitualmente sta in silenzio, fermo al suo posto. Ma quando mi arrabbio per qualcosa, mi porge il suo cestino e mi dice: “Getta qua!”.
Io getto dentro la mia rabbia. E la rabbia non c’è più. Qualche volta è un piccolo nervosismo, o un stress, altre volte è una preoccupazione, a volte un bisogno, altre volte un dolore o una ferita che io da solo non posso chiudere, né riparare…
Un giorno notai con più attenzione, che il cestino di Enrico era sempre vuoto.
Gli chiesi: “Scusa ma dove porti tutto quello che ci getto dentro?”.
“Nel presepe”, mi risponde.
“E c’è così tanto posto nel piccolo presepe?”.
Enrico, sorrise.
“Stai attento: nel presepe c’è un bambino, che è ancora più piccolo dello stesso presepe. E il suo cuore è ancora più piccolo. Le tue difficoltà, non le metto proprio nel presepe, ma nel cuore del bambino. Capisci adesso?”.
Stetti un po’ a pensare.
“Questo che mi dici è veramente complicato da comprendere. Ma, nonostante ciò, sento che mi fa felice. Strano, vero?”.
Enrico, aggrottò la fronte e poi aggiunse: “Non è per niente strano, ma è la gioia del Natale. Capisci?”.
Avrei voluto chiedere ad Enrico molte cose. Ma lui mise il suo dito sulla sua bocca: “Pssst”, mi fece in tono garbato. “Non parlare. Semplicemente, gioisci!”.

Don Angelo Saporiti

 

Il Natale è passato, e porta via con sé l’atmosfera che ci ha tenuto compagnia in questo periodo, dove i cuori erano più aperti e disponibili all’ascolto.
Cerchiamo di catturare e tenere dentro di noi quello spirito che ci fa tornar bambini, non solo a Natale, ma per tutto l’anno. Lui saprà farci sorridere e gioire per quelle piccole e semplici cose capaci di riempire il cuore.

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cerca

Grazie per il tuo voto!


grazie-della-visita


--- Grafica by Betty Liotti --- Sito on line dal 28-4-2007 --- Copyright © (2007-2017). Tutti i diritti riservati --- ---Policy Privacy-----------DISCLAIMER---
Frontier Theme
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.