La mela

Ogni mattina, il potente e ricchissimo re di Bengodi riceveva l’omaggio dei suoi sudditi. Aveva conquistato tutto il conquistabile e si annoiava un po’.
In mezzo agli altri, puntuale ogni mattina, arrivava anche un silenzioso mendicante, che porgeva al re una mela. Poi, sempre in silenzio, si ritirava.
Il re, abituato a ricevere ben altri regali, con un gesto un po’ infastidito, accettava il dono, ma appena il mendicante voltava le spalle cominciava a deriderlo, imitato da tutta la corte.
Il mendicante non si scoraggiava. 
Tornava ogni mattina a consegnare nelle mani del re il suo dono.
Il re lo prendeva e lo deponeva macchinalmente in una cesta posta accanto al trono. 
La cesta conteneva tutte le mele portate dal mendicante con gentilezza e pazienza. E ormai straripava.
Un giorno, la scimmia prediletta del re prese uno di quei frutti e gli diede un morso, poi lo gettò sputacchiando ai piedi del re.
Il sovrano, sorpreso, vide apparire nel cuore della mela una perla iridescente.
Fece subito aprire tutti i frutti accumulati nella cesta e trovò all’interno di ogni mela una perla.
Meravigliato, il re fece chiamare lo strano mendicante e lo interrogò.
“Ti ho portato questi doni, sire – rispose l’uomo -, per farti comprendere che la vita ti offre ogni mattina un regalo straordinario, che tu dimentichi e butti via, perché sei circondato da troppe ricchezze.
Questo regalo è il nuovo giorno che comincia”.

(Bruno Ferrero, Cerchi nell’acqua, Ed. Elle Di Ci)



Da domani sarò triste, da domani. 
Ma oggi sarò contento,
a che serve essere tristi, a che serve. 
Perché soffia un vento cattivo. 
Perché dovrei dolermi, oggi, del domani. 
Forse il domani è buono,
forse il domani è chiaro. 
Forse domani splenderà ancora il sole.

E non vi sarà ragione di tristezza.

Da domani sarò triste, da domani. 
Ma oggi, oggi sarò contento,

e ad ogni amaro giorno dirò, 
da domani, sarò triste, 
Oggi no!
 
(Poesia di un ragazzo trovata in un Ghetto nel 1941)